Alberona, borgo “templare”

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Sulle pendici del monte Stilo che domina il Tavoliere delle Puglie, circondato da boschi e torrenti, tra cui il Canale dei Tigli, sorge Alberona. Bandiera arancione nel 2002 per il Touring Club Italiano, dal 2005 fa anche parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia.

Questo piccolo comune pugliese in provincia di Foggia di 965 abitanti ha origini molto antiche, che risalgono a prima dell’anno 1000. Alberona visse un periodo di grande sviluppo sotto il dominio di Federico II prima, e quindi nel XIII secolo, quando divenne possedimento dell’Ordine dei Templari e poi dei Gerosolimitani.

Grazie a loro acquisì perfino autonomia giurisdizionale fino ad entrare a far parte del regno delle due Sicilie nel corso dell’ottocento.

Il principale monumento del borgo è legata proprio agli ordini religioso-cavallereschi, cioè a dire la Torre del Priore, appartenuta prima ai cavalieri templari e divenuta nel XIV secolo residenza del Gran Priore dell’Ordine dei Cavalieri di Malta di Barletta.

Altri monumenti di un certo interesse sono la chiesa di San Rocco (XVI secolo), il Museum Antiquarium, l’Arco dei Mille, le caratteristiche stradine e i vicoli del centro storico.

Nel territorio comunale è possibile fare escursioni lungo i sentieri che tagliano il Bosco del Subappennino e raggiungono il canale dei Tigli, il parco eolico verso Volturino, il Crocione, Monte Cornacchia e in direzione di Roseto Valfortore.

di Massimo Reina