Fornelli, città dell’olio

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Adagiata in parte su una collina lambita dal torrente Vandra, e in parte sul monte Cervaro, ove supera i 1000 metri, Fornelli deve forse il suo nome a un forno per la produzione di laterizi cotti presente nell’antichità nel paese e al servizio della Badia di San Vincenzo.

Il borgo, uno dei più Belli d’Italia, è molto antico – di esso si parla per esempio in una sentenza del 981 D.C. – e già in passato era dotato di mulino e frantoio (non a caso oggi è Città dell’olio, riconoscimento di portata nazionale).

Fornelli è il tipico borgo medievale, con le stradine acciottolate e molte abitazioni in pietra attaccate le une alle altre, che regalano a visitatore scorci panoramici davvero suggestivi. E come ogni paese con questo tipo di struttura e tradizione, non manca un castello a dominarne l’abitato. Si tratta dell’ex alcova di Carlo III di Borbone, re di Napoli, di Sicilia e di Sardegna, che vi dimoro’ nel 1744.

 

di Massimo Reina