Cefalù tra mare e storia

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Poggiata su uno sperone di roccia che affaccia sul mar Tirreno, Cefalù affonda le sue radici nell’epoca pre-ellenica, periodo a cui risale la cinta muraria di tipo megalitico dell’attuale centro storico.

Secondo alcuni storici, però, l’odierna Cefalù, una delle città più caratteristiche della costa settentrionale della Sicilia che fa parte del Parco delle Madonie e del circuito dei Borghi più Belli d’Italia, sarebbe stata frequentata già in epoca preistorica.

Molti sono gli elementi di interesse offerti dalla cittadina, a cominciare dalla struttura urbana del centro storico: per metà è medievale, fatta cioè di case e di labirintiche viuzze acciottolate, con pregiati archi che legano le varie costruzioni, e strette stradine che si inerpicano verso la Rocca.

La rocca di Cefalù, che offre una splendida visuale sulla città, si trova sul colle che sovrasta proprio il borgo medievale. Oltre ai resti della fortificazione, nell’area ci sono anche quelli del tempio di Diana, un’opera poligonale di epoca greco-arcaica.

L’altra metà della struttura urbana del centro del paese è di tipo “romano”, con una pavimentazione ricca di decorazioni, come quella d’età augustea presente presso il Duomo. Questo edificio sacro venne fatto costruire nel 1131 da Ruggero II, ed è famoso anche per i suoi meravigliosi mosaici.

Accanto ad esso sorge un chiostro del XII secolo, distrutto da un incendio durante il 1500. Entrambi gli edifici affacciano sulla omonima piazza, come del resto altri famosi quali il Seminario, il Palazzo Vescovile, il Palazzo Piraino e il Palazzo Maria, tutti di stile barocco.

Altri monumenti di particolare interesse storico-culturale sono le due antiche porte della “Giudecca” e della di “Mare”, la chiesa normanna di San Giorgio e il Lavatoio Medievale. Degno di interesse è pure il Museo Mandralisca, dove sono conservati ed esposti diversi reperti storici locali e opere d’arte, come il famoso Ritratto d’Ignoto del 1465, attribuito ad Antonello da Messina.

Cefalù è sinonimo anche di mare, e le sue spiagge sono conosciute in tutto il mondo per la loro bellezza e per la qualità delle acque che le bagnano. Dalla famosa spiaggia della Marina, vicina al centro storico, fino a tutto il lungomare Giardina, i turisti possono godere di uno spettacolo davvero unico.

Curiosità: il piatto tipico di Cefalù è risalente alla dominazione araba e si chiama “Ra pasta a Taianu”. E’ una sorta di pasticcio di pasta, di solito maccheroni, condito da carne sfilacciata cotta nel pomodoro, con melanzane fritte e pecorino.

di Massimo Reina