Il borgo medievale di Oriolo

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Arroccato su uno sperone, a circa 500 metri d’altezza, sorge Oriolo, per secoli feudo di diverse importanti famiglie locali e il maggiore centro dell’Alto Jonio per i paesi dell’Arberia e del Pollino.

Nato come fortezza a difesa delle popolazioni fuggite dalle coste martoriate dalle incursioni dei saraceni, Oriolo conserva uno splendido borgo medievale caratterizzato da una serie di palazzi nobiliari che affacciano sulla strada principale che porta ai resti del castello.

Il borgo antico sorge su uno sperone di arenaria cementata. Domina la valle del Ferro, attraversata dall’omonimo fiume, e vanta la presenza di un castello normanno-aragonese, che in origine era a pianta quadrangolare con corte interna, con quattro torrioni angolari di cui due sono crollati all’inizi del secolo scorso per una frana.

Adiacente al maniero sorge la chiesa di San Giorgio, Chiesa Madre di Oriolo, di origine aragonese. Al suo interno è conservata una statua della “Madonna col bambino” risalente al 1581, e all’ingresso mostra due leoni del 1264.

A ridosso del borgo vi è invece il quattrocentesco ex-monastero francescano, un tempo depositario della reliquia di S. Francesco di Paola che padre Dionigi Colomba portò dalla Francia, quale dono della regina Caterina dei Medici.

di Massimo Reina