Se anche tu ami il mitico Volkswagen allora oggi sarai felice!

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Nato nell’immediato dopoguerra dalla geniale intuizione di Ben Pon, l’importatore olandese della Volkswagen, il furgone Transporter, da molti chiamato “Bulli”, è un vero e proprio mito su quattro ruote, che ha saputo coniugare il suo essere un mezzo da lavoro, con un’anima ben più frivola, quella di vettura perfetta per le vacanze, un camper a buon mercato volendo, resa celebre dal fatto di essere la macchina dei figli dei fiori. La vettura hippy per eccellenza quindi.

La produzione del Bulli originale in Brasile è stata sopesa quasi quattro anni fa, dopo oltre più di mezzo secolo di onorata carriera e nonostante versioni uscite negli ultimi trenta anni con carrozzerie più moderne e trazione anteriore, auto più da lavoro che da “diporto”, la passione per il minibus Volkswagen non è minimamente calata.

Sembra quindi proprio che Volkswagen voglio tornare a fare il vecchio Bulli, aggiornandolo ovviamente alle tecnologie più moderne, ma mantenendo però intatto lo spirito che lo aveva fatto amare da milioni di ragazzi in tutto il mondo.

La base di partenza non è più ovviamente quella del Maggiolino, ma il concept elettrico I.D. Buzz presentata lo scorso gennaio al Salone di Detroit. La commercializzazione è prevista per il 2022, quindi c’è ancora un poco da aspettare. Ma quello che conta è che le linee siano tornato ad essere morbide ed arrotondate con abbondante lo spazio interno, tutto come nel primissimo modello insomma, e in perfetto stile hippy col massimo rispetto della natura vista la propulsione elettrica.

di Redazione