Furore il fiordo di Amalfi

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Letteralmente aggrappato alla roccia di un meraviglioso vallone della costiera amalfitana, in provincia di Salerno, sorge Furore, un minuscolo quanto suggestivo borgo marinaro che fa parte del club dei Borghi più Belli d’Italia.

.

Questo meraviglioso angolo di paradiso è abitato da poco più di 830 anime, che custodiscono gelosamente i segreti e le tradizioni di un “fiordo” dove non esistono piazze principali, viali o edifici imponenti, ma solo sentieri e scale che un tempo portavano al villaggio dei pescatori.

A Furore sono i panorami a farla da padrona, a catturare lo sguardo e l’animo dei visitatori, affascinati dal connubio quasi perfetto tra natura e architetture semplici quanto affascinanti, come le casette arroccate tra loro ricavate nel suolo e decorate con dei murales.

All’interno del fiordo si trovano lo Stenditoio, un edificio utilizzato per asciugare i fogli di carta estratti dalle fibre di stoffa, e la Calcara, adibita invece alla lavorazione delle pietre per l’edilizia locale. E’ inoltre presente un interessante Ecomuseo che racconta la storia di questo
suggestivo vallone nella roccia.

Curiosità: nel borgo hanno vissuto il regista Roberto Rossellini e la grande Anna Magnani, all’epoca legati sentimentalmente. A loro è dedicato un piccolo museo ospitato in una delle casette. La cittadina è inoltre famosa per la produzione di un ottimo vino, dal Ravello al Fiorduva, cosa che gli è valsa l’iscrizione all’Associazione Città del Vino.

di Massimo Reina