Asolo: il borgo dei 100 orizzonti. Scopriamolo insieme!

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Asolo, elegante quanto suggestivo borgo sui Colli asolani, è certamente uno dei più rappresentativi del Veneto. Fa parte del club dei Borghi più Belli d’Italia, scopriamolo un po’ insieme.

Visitare Asolo significa conciliare la passione per la storia e la cultura con quella per la natura e per i buoni sapori tradizionali. Simboli della cittadina sono l’imponente Rocca, che domina il centro storico dalla cima del monte Ricco, e il castello. La prima risale a un periodo compreso tra la metà-fine del XII secolo e gli inizi del XIII, e dai suoi spalti è possibile ammirare un panorama che abbraccia la pianura padana e tutto l’arco alpino circostante. “Cento orizzonti” da un unico punto.

Il castello, invece, con la sua maestosa torre dell’orologio, è probabilmente di epoca romana, almeno come origine. Nel corso del Medioevo e di diversi interventi, venne poi potenziato, modificato e collegato con la Rocca e con le mura cittadine.

Ma Asolo, come scritto, ha molto altro da offrire al turista appassionato di arte, architettura e storia. C’è per esempio un importante acquedotto romano, la casa dell’attrice Eleonora Duse, musa di Gabriele d’Annunzio o, in ambito di edifici sacri, la Cattedrale a tre navate con colonne in pietra risalente al 969.

Per chi ama la natura, ci sono aree come la grande Casa Freia, dove sorge un esemplare monumentale di Quercus ilex, mentre per quelli della buona tavola non mancano locande e ristoranti dove poter gustare piatti tipici come le sarde in saor ai bigoli in salsa, le zuppe di funghi, gli asparagi bianchi di Bassano, ma anche i classici formaggi, rigorosamente accompagnati da un buon calice di Prosecco Asolo DOCG, o specialità come il gelato al sambuco e il Tintoretto al gusto di melograno.

di Massimo Reina