Monteverde: il borgo campano dominato dal castello aragonese

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Al confine tra Campania, Lucania e Puglia, lambita dal Fiume Ofanto, sorge il borgo di Monteverde, in provincia di Avellino, che dal 2013 fa parte del club dei Borghi più Belli d’Italia.

Circondato dal verde e da una natura incontaminata, il borgo presenta la classica struttura medievale fatta di stradine strette e case costruite molto vicine le une alle altre. Piccoli vicoli si intrecciano per poi salire fino al castello aragonese, che sovrasta dall’alto l’abitato, e che ha origini longobarde. In epoche successive, sotto altri proprietari, la sua struttura fu in parte alterata e vennero aggiunte le torri cilindriche, a tutt’oggi esistenti, oltre a un ponte levatoio invece scomparso. 

Il castello, acquistato dal comune nel 1996, in via di recupero ed in parte già fruibile, fu tra gli altri dimora della famiglia Orsini, di Roberto il Guiscardo, di Goffredo conte di Andria e del principe di Monaco Onorato Grimaldi.

Tornando al borgo, esso ospita altri interessanti edifici storici privati, mentre nell’ambito di quelli sacri si segnala la Cattedrale dedicata a Santa Maria di Nazareth.

Sempre sul territorio comunale, ricco di fontane e di boschi attrezzati per pic-nic ed escursioni, è presente un bel lago artificiale dedicato a San Pietro, dove ogni estate si svolge il Grande Spettacolo dell’Acqua.

 

di Massimo Reina