Rango quando il trentino ti ruba il cuore

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Rango è certamente uno dei borghi più caratteristici del trentino. Questa frazione del Comune di Bleggio Superiore, che sorge dove un tempo c’era la “strada imperiale” che dal lago di Garda portava verso la Val di Sole, dal 2006 è stato inserito tra i Borghi più Belli d’Italia.

La struttura del borgo ricorda quello dei paesini rurali visti in dozzine di fiabe animate, con le case addossate le une alle altre collegate da portici, androni e corti interne, i balconi fioriti, i poggioli in legno decorati con delle pannocchie e i comignoli fumanti.

Un’atmosfera antica e quasi magica che viene amplificata durante il periodo natalizio, quando il manto nevoso avvolge ogni cosa, e nelle case e negli androni del paesino si svolge un caratteristico Mercatino di Natale.

Non solo durante le festività natalizie, ma anche altri periodi dell’anno sono occasioni perfette per visitare un borgo che sembra fuori dal tempo, dove rilassarsi tra i profumi di antico, della natura e dei prodotti contadini tipici locali delle valli del Trentino, come la Ciuìga del Banale, un salame alle rape, il formaggio fresco, le noci e il miele.


Curiosità: sul finire dell’Ottocento ci fu una vicenda legata ad un presunto caso di spiritismo legato a una ragazza del paese. Da questa vicenda deriva il nome di uno dei portici di Rango all’imbocco della casa dove viveva la ragazza con la sua famiglia, chiamato “portec del diavol”.

di Massimo Reina