Bettona panorama umbro mozzafiato

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Circondata in parte da mura difensive edificate con grossi massi di arenaria sulle rovine di antiche strutture etrusche, Bettona accoglie i suoi visitatori all’interno di un panorama tipicamente umbro, con colline coperte da ulivi e verdi boschetti che la cingono da ogni lato, e una vista che abbraccia tutta la Valle Umbra.

Entrando nel cuore del borgo attraverso la medievale porta di Santa Caterina, si scopre un tessuto urbano formato da stradine, vicoli e cortili che si intrecciano come in una ragnatela di pietra dalla quale emergono monumenti di varie epoche storiche, dagli etruschi ai romani al medioevo. C’è la Chiesa del patrono San Crispolto, opera dei monaci benedettini del Duecento eretta per custodire le spoglie del primo vescovo e martire umbro, e quella di origine Romana di Santa Maria Maggiore, con affreschi del pittore futurista Gerardo Dottori, risalenti al 1939, giusto per segnalarne qualcuno.

Sulla piazza principale, dedicata a Garibaldi, sorge anche una fontana dalla caratteristica pianta ottagonale, dei primi dell’Ottocento, ma sovrapposta ad un pozzo che risale addirittura al quattrocento. Tutt’attorno la piazza è circondata da edifici in pietra esposta che sembrano voler raccontare ciascuna un frammento della storia di questo borgo. Una storia che è possibile ripercorrere nei vari musei che sono ospitati in alcuni edifici storici, come per esempio nelle immediate vicinanze, il Palazzo del Podestà, che ospita parte della Pinacoteca comunale.

 

di Massimo Reina