Île de Porquerolles un angolo di paradiso in Costa Azzurra

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Île de Porquerolles è un vero e proprio paradiso, una (non troppo) piccola isola a soli dieci minuti di traghetto dalla terraferma, tra Tolone e Saint Tropez, selvaggia ed incontaminata.

E’più grande delle tre isole delle Îles d’Hyères, dove la natura è regina e dove le macchine non possono circolare. L’isola è all’insegna della vita all’aria aperta e del relax, per un tipo di vacanza lontano anni luce dalla frenesia delle notti della Costa Azzurra.

Qualcuno potrebbe dire che c’è poco da fare sull’isola, ma se il poco consiste in lunghe e panoramiche passeggiate in mountain bike, visita e degustazioni allo storico vigneto fondato dall’imprenditore belga François Joseph Fournier nei primi anni del ‘900 (e che produce gioco forza uno  dei primi vini provenzali, il vin des Côtes de Provence) è un poco davvero entusiasmante.  Questo se ci piace la “vita di campagna”. Poi ovviamente c’è il mare cristallino, perfetto per lo snorkeling in piccole e affascinanti calette.

Il piccolo villaggio di Porquerolles si trova sulla costa settentrionale e si sviluppa intorno al porto e alla Place d’Armes, la piazza del paese dove i pochi abitanti dell’isola giocano a petanque, dove il massimo della mondanità consiste nel sedersi un uno dei piccoli bar all’aperto e sorseggiare un pastis come aperitivo.

Ma quello che rende l’isola un qualcosa di davvero speciale è la sua salvaguardia, il modo in cui lo stato francese ha voluto preservarla, senza cedere alle sirene dello sfruttamento turistico.

Non si tratta solamente del divieto assoluto alla circolazione delle auto: è vietato edificare, campeggiare e persino  fumare all’aperto. “Limitazioni” che consentono di mantenere intatto un paesaggio tra i più affascinanti del mediterraneo e di salvaguardarlo dai rischi dello sfruttamento e degli incendi.

di Redazione