Isole Svalbard oltre l’80° parallelo Nord

CONDIVIDI SU FACEBOOK

L’arcipelago delle Svalbard vennero scoperte dall’olandese Willem Barents nel 1596. A Longyearbyen, il capoluogo, il sole di mezzanotte dura dal 20 aprile al 20 agosto, mentre la notte polare inizia il 28 ottobre e termina il 14 febbraio. D’altronde sono i “vantaggi” di essere oltre l’80° parallelo Nord, più vicini al circolo polare artico che alla Norvegia.

Oltre a qualche migliaio di orsi polari, le isole sono abitate da circa 3.000 persone, delle quali oltre 2.000 a Longyearbyen, la città più grande e centro amministrativo delle isole. L’economia si regge sulla estrazione del carbone e sulla presenza di numerose spedizioni scientifiche che utilizzano le isole come base per studi sui ghiacci e sui cambiamenti climatici.

Questa piccola e variopinta comunità si è trasformata da villaggio in una cittadina moderna con diverse imprese e industrie, e ma soprattutto con una vivace e vasta gamma di attività e di eventi culturali, come concerti, spettacoli, festival e mostre.

A Longyearbyen ci sono anche diversi bar e ristoranti di alto livello, cosa insolita per una località così piccola e decisamente “fuori mano”. Non ci sono solo bar frequentati da pescatori e minatori insomma. Ma cosa fare in queste isole tanto remote, estreme, quanto affascinanti?

A meno che non vi rechiate in questo paradiso ghiacciato per lavoro (ma tanto il tempo libero si trova sempre, no?) le isole offrono tanto, sia da un punto di vista prettamente paesaggistico che di attività da fare. Se il sole di mezzanotte estivo e le  aurore boreali invernali non soddisfano la vostra voglia di meraviglia  perché non andare a caccia di fossili a Deltasent dopo una bella gita in gommone? O perché non fare una bella escursione sul monte Hiortfjellet, con tanto di giro in kayak di avvicinamento?

C’è davvero tanto da fare sulle Svalbard, tra gite in barca e “safari” in motoslitta. Addirittura è possibile fare un salto  indietro di quasi 30 anni visitando l’insediamento fantasma di  Pyramiden, rimasto fermo ai tempi dell’Unione Sovietica.

 

 

 

di Redazione