Garessio la Perla delle Alpi Marittime

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Garessio, in provincia di Cuneo, è un di quei luoghi che finiscono per entrare nel cuore di chi lo visita. La sua posizione “strategica”, adagiato in una valle verde tra il mar Ligure e la montagna, ma anche la sua acqua altamente diuretica, ne fanno la meta ideale di chi in vacanza non vuole farsi mancare nulla.

Compreso nell’Unione montana Alta Val Tanaro, Garessio è soprannominato “Perla delle Alpi Marittime” è immersa nel verde della vallata che lo accoglie e circonda, col bianco delle cime innevate che svettano da un lato e il blu del mare in lontananza, dalla parte opposta.

In questo borgo di poco più di 3.000 abitanti regnano pace e tranquillità, ed è possibile rilassarsi nei suoi stabilimenti termali, famosi perché sfruttano la nota acqua San Bernardo per le terapie idroponiche e per favorire una sana e equilibrata alimentazione in chi vi soggiorna, tra massaggi, fanghi e attività sportive. Tra queste ultime, in inverno, è possibile praticare dello sci nella zona del Colle di Casotto e del Monte Berlino, nella stazione sciistica di Garessio 2000, che funziona purtroppo a fasi alterne per vicende burocratiche e fallimentari.

Di notevole interesse storico-culturale è il Castello di Casotto, fondato nell’XI secolo come Certosa da San Bruno. Dopo essere stato fortemente danneggiato nel corso dei secoli da pestilenze, saccheggi, ripetuti incendi e dalle truppe di Napoleone, che nel 1803 sciolsero l’ordine dei certosini e vendettero l’edificio a privati, la struttura conobbe un rinnovato splendore dal 1837, quando entrò a far parte delle residenze di Casa Savoia: Carlo Alberto la utilizzò come palazzo reale estivo, e Vittorio Emanuele II vi soggiornava nel periodo della caccia.

di Massimo Reina