Salar de Uyuni l’oceano bianco un paradiso in terra

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Provate ad immaginare 10 mila chilometri quadrati. Avete presente le Marche, ecco poco di più. Fatto? Bene. Adesso riempiteli con 10 miliardi di tonnellate di sale e avrete così il bianchissimo deserto di Uyuni, la “salina” più grande del mondo situata a 3600 metri di altitudine, dove quarantamila anni fa c’era un lago.  Uno spettacolo mozzafiato, nell’altopiano andino meridionale della Bolivia.

Meglio non visitare la sterminata salina di Uyuni da soli, il clima estremo e il fatto che non ci sia nessuno per decine di chilometri impone viaggi di gruppo. Il modo migliore per visitar il “salar” è unirsi ad un tour in 4×4 (che durano di solito tre o quattro giorni) partendo dalla cittadina di Uyuni o da San Pedro de Atacama, in Cile. Ma non ci sono solo distese di bianco sale a perdita d’occhio da visitare a Uyuni.

Ci sono le Isla Incahuasi e Isla de Pescado, due “isole” di roccia su cui vivono enormi cactus. Sono due veri e propri iceberg, gli unici segni di vita vegetale per chilometri e chilometri.  Se avessimo voglia di “cure termali” possiamo recarci alle Sol de Mañana, ovvero delle pozze di fango bollente e geyser con fumarole sulfuree che si trovano a circa 5000 metri, mentre a “soli” 4000 metri possiamo immergerci nelle Termas de Polques, per un bagno nelle acque sulfuree a circa trenta gradi.

E poi? Lo splendore del Salar de Uyuni non finisce qui.  C’è il vulcano dormiente Tunupa, le Mummie di Coquesa, vecchie di 3000 anni e la Laguna Colorada un’oasi  mozzafiato con bellissimi fenicotteri rosa. Non solo sale insomma.

di Redazione