Atrani una perla sulla costiera amalfitana

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Atrani, il più piccolo comune italiano per superficie, è l’unico paese della splendida Costiera amalfitana a conservare intatto il suo antico carattere di piccolo borgo di pescatori. Sorge tra il monte Civita ed il monte Aureo, lungo la valle del fiume Dragone, così chiamato perché secondo una leggenda ci viveva un grosso drago sputafuoco, ed è un gioiellino tutto da scoprire.

Atrani, che si trova a soli 700 metri da Amalfi, è abitata da poco più di 800 persone, che popolano delle caratteristiche casette accatastate l’una sull’altra a partire dalla spiaggia, su attraverso la piazzetta principale, sulla quale si affacciano la chiesa di San Salvatore de’ Birecto e la fontana di pietra, fino ad arrampicarsi più in alto, lungo le pendici rocciose della collina, da dove si gode un panorama stupendo sul mare e sui monumenti, compresa la spettacolare collegiata di Santa Maria Maddalena, eretta nel 1274 sui ruderi di un fortilizio medievale.

Il borgo di pescatori, con le sue viuzze strette e tortuose e le piccole scalinate che sfociano in piazzette, cortili o sul mare, è uno spettacolo unico che si accende la sera, quando le luci provenienti dalle abitazioni conferiscono al luogo un’atmosfera magica e fuori dal tempo, e il profumo dei cibi a base di pesce locale cucinati nei locali si spande nell’aria. Non a caso Atrani è stato più volte adoperato come set cinematografico per film e spot pubblicitari.

 

di Massimo Reina