Marzamemi il borgo di cui ti innamori ogni volta

CONDIVIDI SU FACEBOOK

A pochi chilometri dalla costa, dal punto più meridionale dell’Italia nel profondo sud-est della Sicilia, c’è uno dei più bei borghi marinari d’Italia: Marzamemi. Mare, sole e buona cucina sono gli ingredienti attraverso i quali questo antico villaggio di pescatori seduce i visitatori.

Marzamemi sembra un dipinto “vivente”, di quelli ritratti dai grandi pittori paesaggisti del passato come William Turner. Quasi che la natura avesse voluto imprimere nello spazio-tempo una sorta di tela in costante evoluzione.

Basta rivolgere lo sguardo verso sud rispetto al centro storico, oltre le stradine strette che si allontanano dalla piazza principale, per ammirare il porticciolo con le casette dei pescatori e la flotta di piccole barche di legno che galleggiano su un meraviglioso mare turchese in attesa di prendere il largo.

Il centro storico del paese si trova invece su un piccolo promontorio e si articola attorno alla pittoresca piazza Regina Margherita, dove affacciano una serie di edifici importanti come la chiesa di San Francesco di Paola, il palazzo del principe di Villadorata e una fila di casette in pietra con le porte dipinte di blu o di rosso, circondate da caratteristici vasi pieni di fiori colorati. Un tempo case di pescatori, oggi ospitano trattorie, locali e B&B.

Sempre sulla piazza affaccia la famosissima tonnara di Marzamemi, costruita in origine dagli arabi intorno all’anno Mille, per sfruttare le ingenti risorse ittiche del territorio. Furonoloro anche a dare il nome al borgo. Qui gli storici si dividono: c’è che sostiene che il termine derivi dalle parole arabe “marza” (porto) e “memi” (piccolo), e chi invece dal termine “marsà ‘al hamam”, cioè “baia delle tortore”, visto che in primavera questi uccelli abbondano in zona.

Anche se la tonnara non è più in funzione e oggi è adibita ad altre funzioni, Marzamemi continua la sua attività artigianale di pesca e trasformazione, producendo tantissimi prodotti di qualità: tonno in scatola, la bottarga (uova di pesce salate ed essiccate con procedimenti tradizionali), pesce spada affumicato, acciughe marinate, salami di tonno e molto altro ancora.

Marzamemi sa prendere i suoi visitatori anche per la gola. Tante le prelibatezze che si possono gustare nelle sue rinomate trattorie, grazie a una cucina dove pesce, pomodoro ciliegino, Nero d’Avola e altri prodotti freschi locali ne caratterizzano intensamente i profumi. L’ideale dopo aver trascorso una giornata a visitare le bellezze storico-culturali delle vicine Pachino, Noto e Siracusa, o sulle meravigliose spiagge di Porto Palo di Capo Passero.

 

di Massimo Reina