Madagascar: le meraviglie naturali da visitare

CONDIVIDI SU FACEBOOK

La bellezza e la diversità della natura del Madagascar lo rendono un paese meraviglioso e senza tempo. Situato sulla costa orientale dell’Africa nell’Oceano Indiano, il Madagascar ospita migliaia di specie vegetali e animali che non si trovano in nessun altro luogo del mondo. Questo paese conserva antiche tradizioni, che si riflettono nell’architettura, nell’arte e nel popolo che lo abita. Ma scopriamo che cosa possiamo ammirare in questo territorio.

Madagascar tramonto
Madagascar tramonto

Situato nella regione sudorientale, nei pressi del villaggio di Ranomafana,  si trova il Parco Nazionale Ranomafana,  uno dei parchi più popolari della nazione. La parte orientale del parco è la più scenografica, con numerosi torrenti che attraversano le colline verdi. Il parco ospita il lemure di bambù dorato, un animale che si ciba dei germogli di bambù.

Nel nord-est del Madagascar, si trova invece il Parco Nazionale di Masoala, che copre circa 250 miglia di foresta pluviale e comprende tre parchi marini. Il parco presenta dieci specie di lemuri, tra cui l’Aye-aye, il più grande primato notturno del mondo. Il parco ospita anche una vasta gamma di uccelli e rettili, tra cui la rana pomodoro, chiamata così per il suo colore rosso brillante. I parchi marini Tampolo, Ambodilaitry e Ifaho sono ideali per lo snorkeling e le avventure in kayak.

Madagascar villaggio
Madagascar villaggio

E ancora, nel Madagascar orientale, si trova il parco nazionale Andasibe-Mantadia, che ospita undici specie di lemuri, tra cui la più grande chiamata Indri. Situato vicino alla capitale Antananarivo, Andasibe-Mantadia è uno dei parchi più facili da visitare ed è suddiviso in due aree: il Parco nazionale di Mantadia e la riserva Analamazoatra e dove è possibile fare una visita guidata.

Da non perdere la collina reale di Ambohimanga, un villaggio storico, un tempo la sede del re, la cui parete che lo circonda è stata fatta nel 1847. Il complesso Mahandrihono comprende l’ex casa del re Andrianampoinimerina, fatta con pareti in legno palissandro massiccio e contenente manufatti, tra cui tamburi, armi e talismani.

Ifaty è invece il nome dato a due villaggi di pescatori sulla costa del sud-ovest del Madagascar. Qui si trova una barriera corallina lunga 60 miglia che rende la zona  ideale per l’immersione, lo snorkeling e la pesca.

Da vedere è il viale dei Baobab,  un gruppo di alberi antichissimi che allineano la strada sterrata tra Morondava e Belon’i Tsiribihina nel Madagascar occidentale. Il paesaggio attira turisti provenienti da tutto il mondo, rendendolo una delle località più visitate della regione. La  Riserva Naturale Tsingy de Bemaraha è un’altra bellezza di questo territorio.

Lemure
Lemure

La parola “tsingy” si riferisce ai pinnacoli che punteggiano l’altopiano calcareo del parco. Situato vicino alla costa occidentale del paese, il parco ha anche un’ampia distesa di mangrovie, ospita sette specie di lemure, tra cui il Deckens sifaka dal manto bianca e il muso nero.

di Marianna Feo