Adelaide: la città dell’Australia fatta di arte, mare e buon vino

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Se state sognando un bel viaggio in Australia, dovrete allora scegliere tra le vostre mete la città di Adelaide. Perché? In questo capoluogo è impossibile annoiarsi. E’ un posto accogliente e multiculturale, dove si possono apprezzare la bellezza di un tramonto sulla spiaggia, l’emozione di un giro in kayak e visitare musei e biblioteche, ma anche teatri, caffè e meravigliosi parchi. Il momento migliore per andare è l’autunno, che corrisponde alla nostra primavera, quando le temperature  oscillano tra i 12 e i 22 gradi. Ecco il giro perfetto da fare ad Adelaide.

 

Musei

La piazza principale è Victoria Square, dove si trova la fontana costruita da John Dowie nel 1968, che raffigura i tre fiumi che bagnano la città, il Torrens, il Murray e l’Onkaparinga. North Terrace è invece la via dove si trovano musei, gallerie ed edifici storici risalenti al XIX secolo come la Ayers House. Qui c’è la Galleria d’arte del sud dell’Australia, con una vasta collezione di dipinti australiani, aborigeni e anche italiani. Il gigantesco South Australian Museum, che si estende su cinque piani, ospita invece una sezione egizia e numerosi reperti di storia naturale.

Vale la pena visitate il Migration Museum, che si trova alle spalle della Biblioteca di Stato, che racchiude le testimonianze di numerosi immigrati che hanno ricominciato da loro vita da zero in Australia. Andate anche al Tandanya, un centro dedicato alla cultura aborigena dove  si trovano gallerie di arte autoctona, aree dedicate agli spettacoli, laboratori educativi e perfino una sala dove acquistare souvenir e incontrare i nativi aborigeni. Da visitare è anhe il Maritime Museum in Lipson Street, che ospita la più antica collezione di reperti nautici in Australia.

Strade e curiosità

Le vie dove andare sono Gouger Street, che ospita tantissimi ristoranti e caffè e Rundle Street East, nell’ East End District, dove  si possono trovare specialmente  boutique delle grandi firme e gioiellerie. Fatevi poi un selfie con una delle sculture a forma di maialino presso il centro commerciale Rundle Mall.

Al Festival Centre, si svolgono i principali eventi legati al teatro, alla musica e allo spettacolo, mentre l’Adelaide Oval è il campo da cricket più grande del mondo, dove una guida esperta vi condurrà alla scoperta dei suoi segreti. Nel sobborgo di Port Adelaide è invece possibile ammirare edifici coloniali in  stile edoardiano o georgiano, e trovare pub tradizionali e suggestivi pontili. Navigando in kayak lungo il fiume Port ci sarà la possibilità di avvistare una colonia di delfini.

Mare

Se amate il mare, una meta d’obbligo è Glenelg, che si trova a Holdfast Bay, a 25 minuti di tram da Adelaide. La cittadina offre numerose opportunità di svago, come nuotare con i delfini, fare snorkeling o escursioni in barca. I borghi di Henley e Grange offrono bellissime spiagge oceaniche. E’ da vedere anche la bellissima spiaggia di Port Noarlunga-  a circa 30 km a sud di Adelaide – Moana, un’altra città costiera con relativa spiaggia, e Seaford Beach.

Parchi

Adelaide non deluderà gli amanti del verde poiché la città ospita bellissimi parchi: il vasto Bonython Park, l’Elder Park – situato lungo il fiume Torrens -o l’ Himeji Garden, in puro stile zen.  Molto belli anche i Giardini Botanici in pieno centro cittadino.

Spingendoci fuori dai confini urbani, l’escursione alla Waterfall Gully si possono ammirare scorci di natura meravigliosi , seguendo un percorso che arriva in cima al monte Lofty passando per le cascate.Infine,  il Black Hill Conservation Park offre vari percorsi di trekking dal livello piuttosto impegnativo.

Food and Wine

L’enogastronomia è uno dei punti di forza di Adelaide. Il Central Market, fondato nel 1869, è il più antico mercato di Adelaide ed ospita innumerevoli bancarelle che sfoggiano il meglio della gastronomia etnica. Il sud dell’Australia è celebre per la produzione vinicola e nei pressi della città vi sono numerosi vigneti, concentrati nelle Adelaide Hills: la Barossa Valley, con 150 aziende vinicole e 70 cantine – la metà delle quali sono aperte al pubblico – e Clare Valley,  una delle più antiche regioni vinicole dell’Australia, definita “la culla del Riesling australiano”. Qui viene prodotto il vino originario della Germania, in particolar modo di Cochem, nella Valle della Mosella.

 

di Marianna Feo