Viaggiare in camper: ecco i motivi per cui farlo e sentirsi liberi

CONDIVIDI SU FACEBOOK

Viaggiare in camper è qualcosa di più che un modo di organizzare una vacanza economica con gli amici. E’ piuttosto un’avventura, un modo di vivere il viaggio in totale libertà, senza costrizioni o limiti temporali. Il camper è un mezzo di trasporto che si adatta alle tue esigenze, che ti permette di realizzare il viaggio a tappe dei tuoi sogni, senza doverti più preoccupare di prenotare voli, treni o alberghi.  Se sei uno spirito libero e non ami troppo l’organizzazione, un  viaggio in camper è l’ideale. Ma sono tanti i motivi per cui dovresti scegliere questo mezzo per la tua vacanza.

Puoi viaggiare on the road

Se adori i viaggi on the road, apprezzerai il fatto di poter guidare fino allo sfinimento, sapendo poi di poterti fermare a riposare, o prepararti un caffè, in qualsiasi posto si possa parcheggiare.

Risparmi tempo

In camper potrai  visitare una zona e poi spostarti verso un’altra città, senza dover tornare in una stanza d’albergo o in un appartamento. In questo modo si perde meno tempo e ci si può dedicare a diverse attività e vedere più cose.

viaggiare in camper
Viaggiare in camper

Puoi fare quello che vuoi

Quando sei costretto a prenotare un b&b o un volo, non puoi permetterti di cambiare idea all’ultimo momento sulla meta da raggiungere. In camper si può avere sempre la massima libertà di cambiare destinazione; se ad esempio avevamo programmato una visita al mare, ma piove, possiamo cambiare rotta.

E’ adatto per stare in compagnia

Non solo con gli amici, ma anche in famiglia, specialmente con i figli piccoli; il camper è il mezzo più indicato, puoi infatti portarti dietro  tutto il necessario, con la comodità una “mini casa”.

perchè viaggiare in camper
perchè viaggiare in camper

Non hai bisogno di preparare le valigie

Oltre a poter lasciare nell’armadio del camper tutto ciò che ti serve, c’è spazio anche per altre cose come  biciclette, tavole da surf e tutto l’occorrente per le tue attività sportive e all’aria aperta.

di Marianna Feo